Daniele Cassioli - Diario
diario daniele cassioli

10 maggio 2018

Il tema dell’inclusione è molto presente nelle conversazioni tra le mura scolastiche. Ne sento parlare in corsi di formazione, nei progetti svolti da professionisti esterni e nelle classi tutti i giorni.

Durante un corso di formazione ero scettica quando la relatrice affermava che l’inclusione è sulla bocca di tutti ma nella pratica non è ancora presente, perché le azioni si rifanno ancora al più vecchio concetto di integrazione.

Poi mi sono dovuta ricredere perché i numerosi momenti di confronto ai quali ho partecipato mi hanno dato prova di ciò che intendeva la formatrice: parliamo di inclusione ma pianifichiamo l’integrazione.

Un elemento sul quale ho posto la mia attenzione è che i progetti di inclusione non prevedono la preposizione “con” ma il “per”.

L’inclusione “per”le persone con disabilità prevede realizzare delle attività che sensibilizzano le persone, cosiddette normodotate, a non fermarsi alle apparenza e andare oltre. L’intento di questi progetti è quello di vedere la persona e non la disabilità; di mettersi nei panni dell’altro e cercare di capire come si sente. Se riflettiamo però “L’inclusione per” è un controsenso, perché i soggetti dei progetti sono ancora “io” e “tu” non mettendo in connessione le persone coinvolte.

L’inclusione “con”prevede invece un unico soggetto che è “noi” in cui non esiste più una distinzione tra un “io” e un “tu”, ma siamo entrambi soggetti di una interazione. Questo metodo di inclusione non prevede teoria, ma si procede subito alla pratica e nel mondo dell’apprendimento è risaputo che l’esperienza diretta incide meglio sulla capacità di memorizzazione rispetto alla conoscenza astratta.

L’invito è quindi di creare situazioni di “inclusione con” senza grandi sforzi, poiché nella quotidianità delle classi scolastiche basterebbe una routine che preveda pratiche di inclusione, senza la necessità di formazione o grandi eventi.

Un esempio importante è proprio quello che fornisce Daniele, poiché lui mette tutti nelle condizioni di poter avere a che fare con la sua persona e non con la sua disabilità visiva.

Per chi volesse confrontarsi con me su progetti di “Inclusione con” sono disponibile all’indirizzo email: psicologia.a.pezzi@gmail.com.

Dott.ssa Samantha Bruno

psicologiaapezzi.com            

Pagina Facebook 

Leggi anche

Strumenti compensativi: gli schemi con audio

Misure dispensative: verifiche

Strumenti compensativi: registratore

La grafica degli schemi

Misure dispensative: cosa sono?

Strumenti compensati: fotocopie ingrandite 

Quando il corpo parla

Lo svolgimento dei compiti: l'organizzazione 

Metodo di studio: gli schemi di spiegazione e studio

Strumenti compensativi: si o no?

Lavagnetta fai da te

Cosa ci vuole dire il parlato

Imparare a contare con l'apprendimento cinestetico 

Lo svolgimento dei compiti: il tempo 

Stimolli sensoriali con materiale di riciclo

Strumenti compensativi: gli audiolibri

Lo svolgimento dei compiti: il luogo