diario daniele cassioli

1 marzo 2018

L’espressione “Strumenti compensativi” si è ampiamente diffusa negli ultimi anni nel mondo scolastico per indicare gli strumenti utili agli alunni per supportare il loro apprendimento.

Tra insegnanti e corsi di formazione spesso si accendono dibattiti a fronte dell’interrogativo “Strumenti compensativi sì o no?”. Chi risponde di no giustifica la propria scelta affermando che dando agli alunni questi strumenti si teme che quest’ultimi si adagiano sugli allori e che non apprendano delle nozioni o delle procedure importanti. Dall’altra parte chi risponde di sì afferma che alcuni alunni hanno bisogno di questi strumenti e pertanto è necessario fornirli loro.

Forse come spesso accade non sono sbagliate le risposte, ma è sbagliata la domanda. La domanda più adeguata per orientare le nostre scelte è: 

“La fatica che l’alunno fa senza strumento è una fatica utile?”.

Soffermiamoci a riflettere su che cos’è una fatica utile affinché non si creino fraintendimenti.

Con questa espressione intendiamo uno sforzo che a fronte di un impegno ripaga con il raggiungimento dell’obiettivo prefissato o l’avvicinamento ad esso.     Un esempio classico che possiamo prendere dal mondo dello sport è la fatica dell’allenamento che migliora le prestazioni durante le gare.

Di conseguenza domandiamoci: “La fatica esercitata dall’alunno per svolgere questa attività è utile per il suo apprendimento?”.

Nessuno si sognerebbe di togliere degli occhiali a un alunno miope seduto all’ultimo banco, perché ormai risulta evidente a tutti che questo inciderebbe negativamente sul suo apprendimento. Al contrario per molti anni chi portava gli occhiali è stato preso in giro con espressioni come “Quattr’occhi” e costoro si sono vergognati di poter utilizzare uno strumento compensativo. Il tempo ha permesso a tutti di capire eliminando così prese in giro e permettendo l’utilizzo degli occhiali a chi ne ha bisogno.

Confido nel fatto che il tempo ci aiuterà a capire come utilizzare gli strumenti compensativi, ma sono altrettanto convinta che se vedessimo le persone e non gli stereotipi, o le diagnosi, riusciremmo a migliorare l’apprendimento dei nostri alunni in tempi più brevi.

Dott.ssa Samantha Bruno

psicologiaapezzi.com            

Pagina Facebook 

Leggi anche

Lavagnetta fai da te

Cosa ci vuole dire il parlato

Imparare a contare con l'apprendimento cinestetico 

Lo svolgimento dei compiti: il tempo 

Stimolli sensoriali con materiale di riciclo

Strumenti compensativi: gli audiolibri

Lo svolgimento dei compiti: il luogo