diario daniele cassioli

6 dicembre 2018

Una delle prerogative del Natale è che parla a tutti i nostri sensi. Se ci pensiamo in questi giorni che ci conducono alla tanto attesa festività quando entriamo in un negozio, appena inizia la pubblicità alla televisione o alla radio siamo catturati dalle armonie natalizie.

Grazie alla mia esperienza lavorativa con le persone con disabilità sensoriale ho capito che così come ho sempre visto e mai guardato, nello stesso modo ero abituata a sentire ma non ad ascoltare.

Per ciascuno di noi il Natale ha dei suoni ben precisi, seppur i luoghi pubblici e i mezzi di informazione scelgano sempre le medesime canzoni. Per alcuni il Natale è caratterizzato dalle canzoni dello Zecchino d’Oro, mentre per altri sono canzoni specifiche che hanno caratterizzato dei momenti indelebili della loro vita.

Il Natale è caratterizzato da una ricchezza di emozioni e spesso le canzoni sono il veicolo per manifestarlo. Infatti proprio perché questa festività è ricca di gioia ma anche di nostalgia, nello stesso modo le canzoni natalizie si contraddistinguono per la manifestazione delle medesime emozioni.

Nei negozi e per la pubblicità si utilizzano canzoni piene di gioia. Infatti se i negozi si avvalessero di una canzone un po’ triste e nostalgica nessuno sarebbe dell’umore per comprare dei regali per sé o per gli altri; d’altra parte una pubblicità con dei suoni poco accattivanti non riuscirebbe nel suo intento di attirare l’attenzione delle persone.

Una cosa curiosa è che le persone cantano le canzoni natalizie e spesso proprio l’intonazione e le parole che vengono pronunciate ci comunicano i loro sentimenti: un bambino che con energia canta “Jingle Bells” ci comunica gioia, mentre un’altra persona può cantale la stessa canzone con un velo di nostalgia.

Insomma il Natale ci avvolge con i suoi suoni e l’invito è quello di non lasciarsi solo trasportare dalle melodie, ma soffermarsi ad ascoltare anche le emozioni nostre e di chi ci sta accanto.

Dott.ssa Samantha Bruno

psicologiaapezzi.com 

Pagina Facebook

Leggi anche

Il momento di esprimere i desideri

Giochi: una rivisitrazione del gioco dell'oca

Verbalizzare il non verbale

Dolce tempo libero al chiuso

L'inciampo di non dare il giusto aiuto nella mobilità

P.E.I. : strumento di confronto

Valutazioni: cosa valutare

Il materiale scolastico: accessibilità e responsabilità

Ogni anno devo trovare le parole giuste...

Opportunità per le vacanze

Strumenti e misure

Inclusione per o con

Strumenti compensativi: gli schemi con audio

Misure dispensative: verifiche

Strumenti compensativi: registratore

La grafica degli schemi

Misure dispensative: cosa sono?

Strumenti compensati: fotocopie ingrandite 

Quando il corpo parla

Lo svolgimento dei compiti: l'organizzazione 

Metodo di studio: gli schemi di spiegazione e studio

Strumenti compensativi: si o no?

Lavagnetta fai da te

Cosa ci vuole dire il parlato

Imparare a contare con l'apprendimento cinestetico 

Lo svolgimento dei compiti: il tempo 

Stimolli sensoriali con materiale di riciclo

Strumenti compensativi: gli audiolibri

Lo svolgimento dei compiti: il luogo