PRIMA VOLTA A ROMA DELL’INIZIATIVA “SPAZIO AL GESTO”


Sabato 2 novembre al centro sportivo della Farnesina è andato in scena il primo appuntamento romano dell’iniziativa benefica “Spazio al Gesto” creata dal campione paralimpico Daniele Cassioli per avvicinare i bambini non vedenti allo sport.

“Spazio al Gesto” nasce proprio dall’esperienza personale di Cassioli che, da circa un anno, propone in giro per l’Italia attraverso la sua associazione Sestero Onlus esperienze sportive per ragazzi con disabilità visiva.

Il progetto ha come finalità unica quella di avviare al movimento e all’attività sportiva bambini e ragazzi con disabilità visiva seguendo semplici ma indispensabili ingredienti: muoversi, sperimentare, socializzare e divertirsi.

Nel proprio sport, lo sci nautico, Daniele Cassioli ha vinto 25 titoli mondiali, 25 europei e 39 italiani e questo lo ha portato ad avere una grande consapevolezza: “lo sport mi ha dato tanto, ho deciso di restituire almeno in minima parte quello che ho ricevuto . Quando ero piccolo ero solo un bambino che aveva gli occhi guasti. Lo sport mi ha restituito la dignità e la grande occasione di farmi valere per quello che ho, senza essere considerato per quello che mi manca.”

Per  la prima tappa romana hanno partecipato 10 bambini non vedenti provenienti da varie zone della Capitale che, insieme alle loro famiglie, hanno trascorso una giornata speciale provando emozioni ed esperienze nuove.

Per un bambino che non vede è difficile apprendere quegli schemi motori che chi vede impara semplicemente guardando e imitando gli altri, il concetto stesso di ‘corsa’ o di ‘salto’ può risultare difficile da comprendere. E’ fondamentale quindi che questi bambini facciano esperienze pratiche in prima persona per acquisire abilità fisiche, psichiche e sociali, indispensabili per la loro completa integrazione nel proprio contesto ambientale.”

 

Storia precedente DANIELE CASSIOLI RICEVE IL PRESTIGIOSO TARTUFO D'ORO
Storia successiva "Tutto sembrava una poesia, perché tutto era accessibile". L'ultima incredibile esperienza di Cassioli