Vai vai…


Daniele Cassioli

Me l’ha ripetuto all’infinito ed in ogni occasione mio padre, crescendomi meravigliosamente insieme a mia madre: “vai vai…”. Nel vialetto della casa dei nonni a Roma, in palestra, in piscina, sulla neve e sull’acqua: “vai, vai…” spingendomi con due dita sulla schiena. 
Sentire Leo pedalare sulla bici e papà Fabrizio correre al suo fianco mi ha fatto tornare indietro nel tempo rivivendo la stessa emozione per un insegnamento vitale che mi ha preparato alla vita.
Sentire Leo pedalare sulla bici e papà Fabrizio correre al suo fianco mi ha fatto tornare indietro nel tempo rivivendo la stessa emozione per un insegnamento vitale che mi ha preparato alla vita.

   

Storia precedente Zero gravity, tanta roba!
Storia successiva Cadere serve a rialzarsi